UDF

splitForLength per splitting dei testi

n4nadm No Comments

Questa funzione è utile nella generazione dei segmenti dei testi negli idoc sia di testata E1EDKT1/E1EDKT2 che di posizione E1EDPT1/E1EDPT2

In particolare, l’UDF splitForLength consente di generare tanti contesti E1ED*T2 quante sono le sottostringhe di src che si ottengono dividendola per la lunghezza ln.

 

Implementazione per testi di testata

Questo genera le occorrenze di E1EDKT2 sulla base del numero di sottostringhe di TEXT_LINE

Questo, per ciascun contesto, effettua lo splitting di TDLINE in ingresso e scrive le sottostringhe prodotte nei campi TDLINE in uscita.

Implementazione per testi di posizione

Dove il context per TDLINE è

E1EDP01 con testo

E1EDP01 senza testo

E1EDP01 con testo

createContext

n4nadm No Comments

Crea contesti in numero pari ai parametri della function.

Utile per generare un array di parametri da passare in input a qualcosa.

 

In questo esempio, l’udf si aspetta 2 parametri che generano altrettanti contesti in uscita

Dynamic Configuration URL PlainHTTP

n4nadm No Comments

Assegnazione URL a cc PlainHTTP in modalità Assign Type URL Address

 

Assegnazione URL a cc PlainHTTP in modalità Assign Type HTTP Destination

 

getTimestamp()

n4nadm No Comments

 

Container

n4nadm No Comments

Cache di valori all’interno di una UDF. Resta persistente fra una chiamata e l’altra della medesima UDF.

GlobalContainer

n4nadm No Comments

Per condividere un valore fra le UDF di un mapping

 

getSystemName

n4nadm No Comments

Utile come input ad un FixedValue laddove l’output dipende dal tipo di ambiente sviluppo, test o produzione.

 

SOAPLookup

n4nadm No Comments

 

Trace

n4nadm No Comments

 

removeSUPPRESS

n4nadm No Comments

 


Rimuove gli elementi ResultList.SUPPRESS e <null> dal contesto.

Dato il seguente payload in inbound

 

occorre produrre in outbound un analogo payload con solo i row il cui  KEY = ‘FFX’.

Dato il mapping sotto, si visualizzano le code sulla removeContext.

Si può constatare che la removeContext rimuove i contesti SUPPRESS (grigi), Change Context, e conserva i valori SUPPRESS (azzurri) corrispondenti agli elementi senza FFX.

dove

Aggiungendo removeSUPPRESS dopo la removeContext si produrrà il seguente risultato

dove gli elementi SUPPRESS (azzurri) sono stati rimossi lasciando solo quelli relativi ai row con FFX.

Categorie