Adapters

Invio email con file di testo allegato

n4nadm No Comments

Scenario

File-Mail

Requisiti

Subject e To della mail sono statici ma definiti nel Configuration

File di testo

In attach

ATTENZIONE!!! Questa modalità funziona solo per i file di testo. Non funziona per i file binari.

Enterprise Service Builder

Il seguente mapping converte il contesto in un’unica stringa in cui ogni elemento di context diventa una riga.

La stringa viene mossa in Content.

L’UDF concatRows converte l’array in una stringa in cui gli elementi dell’array sono separati tramite new line.

 

Integration Builder

Il canale sender file

Nel caso in cui l’Adapter sender non preveda il tab Content Convertion (per esempio l’SFTP) si può adottare il modulo AF_Modules/MessageTransformBean

In questo caso, il file letto

Num. Mensaje;Fecha;Error
W0051326G J20150721;20150721;Muy Sres. nuestros:
W0051326G J20150721;20150721;Nos referimos a su/s factura/s abajo relacionada/s.
W0051326G J20150721;20150721;Al objeto de verificar su conformidad, y como quiera que no

assume il seguente payload

Il canale receiver mail

I parametri della mail devono essere assunti dal mapping e quini impostare Using Mail Package.

Prerequisito perché il file in attach abbia il nome del file di turno

La Receiver Interface

Il test

Limitazioni

Se il canale sender è configurato per leggere più file questi verranno inviati come attach in mail separate.

Cc File: Determinare filename receiver da mapping

n4nadm No Comments

Mapping

Il mapping su rset scrive nella Dynamic Configuration il filename ricevuto dal cc sender.

Implementando anche i legami su row  e su FIELD si replica il file da sender a receiver (opzionale).

In particolare,

In blu: lettura da dyn conf del cc sender

In rosso: regola arbitraria per determinare il nome file receiver

In verde: scrittura su dyn conf del nome file receiver

Communication channel sender

Content Conversion opzionale

Communication channel receiver

Content Conversion opzionale

Monitor: Dynamic Configuration

DynConf dal communication channel receiver

AS2 channel

n4nadm No Comments

Canale per l’EDI

SENDER (payload) — PI –> AS2

SENDER <– PI — (MDN) AS2 : feedback

Predisposizione lato sender.

Creazione Party

AS2_WHR_LEGACY

Party del sender

La coppia AS2  ZZZ  117 | AS2ID viene convertita in WHRLEGACY_QAS e viene inviata ad AS2. Questa stringa è come AS2 ha censito il sender.

Predisposizione lato receiver (AS2)

Creazione party

AS2_TESI

Party di AS2

La coppia AS2  ZZZ  117 | AS2ID viene convertita in TESIEINT2015… Questa stringa è come xxx ha censito il receiver (?).

Integrated Configuration con AS2 in receiver – Flusso invio payload business

Il communication channel receiver si riferisce all’AS2

Integrated Configuration con AS2 in receiver – Flusso invio feedback (MDN)

Channel sender SOAP

Channel receiver, per es. FILE

RFC_READ_TABLE

n4nadm No Comments

RFC generica per la lettura di tabelle.

Esempio

Delimiter  = ‘,’
No_data = ”
Query_table = ‘MARA’
Rowcount                 = 99999;
Rowskips                 = 0;
Fields-Fieldname = ‘MATNR’
Options-Text = ‘MATNR EQ ‘000000000000000001’

Come utilizzarla in un mapping PI

L’interfaccia da definire è la seguente. La condizione va passata al campo Options-Text e, se è formata da più condizioni,

queste vanno concatenate in una unica stringa e relazionate con AND. Es.: EBELN EQ ‘4500001887’ AND EBELP EQ ‘00010’

Struttura per ContConv file-file come unica stringa

n4nadm No Comments

Stessa struttura sender e receiver

Communication channel sender

Communication channel receiver

Struttura per ContConv Sender

n4nadm No Comments

Definizione record da indicare in Recordset Structure del content conversion

dt_xxx_rec

Field1

Field2

Struttura da indicare in Recordset Name del content conversion

dt_xxx_struct

dt_xxx_rec (field: item)

Struttura referenziata dal message type in Document Name

dt_xxx

dt_xxx_struct

dt_xxx_rec

File-File senza mapping

n4nadm No Comments

Lo scenario prevede il trasferimento di file da una locazione ad un’altra senza necessità di trasformazione dati.

Per questo tipo di scenario non è necessario la definizione di strutture dati nell’Enterprise Service Builder.

Fatta salva la definizione dei canali sender e receiver di tipo file/FTP/SFTP/…, per il resto della configurazione procedere come segue.

Faccio notare che le interfacce outbound ed inbound sono fittizie e quindi non sono definite nell’ESB

La definizione dello scenario mediante la modalità tradizionale invece che utilizzando l’Integration Configuration è obbligatorio in quanto con quest’ultimo il processo fallisce con il messaggio Contents is not allowed in prolog.

Configurazione RFC Destination

n4nadm No Comments

Configurare RFC Dest verso l’istanza ECC in cui l’ABAP Proxy verrà sviluppato.

SM59

Struttura JDBC receiver syncro

n4nadm No Comments

In uno scenario syncro in cui il receiver è un JDBC, es. proxy -> jdbc -> proxy, in cui la query verso JDBC è di tipo SELECT, per vedere il formato in cui l’adapter JDBC formatta il resultset procedere come segue.

Message Monitor Java

Selezionare il messaggio corrispondente alla response e premere Details

Sul tab Message Content aprire la lista Message Version e selezionare Version 0 quindi il Message Part payload-xxxxxxxxx@sap.com

Dopo che l’adapter ha ceduto il payload all’integration Engine, la corrispondente versione del payload assume il formato dell’output del mapping

Il nome che l’adapter attribuisce al Message Type di response deriva da quello di request al quale aggiunge “_JDBC_response“; se, per esempio il message type di request si chiama MT_PayloadCurveCarico, quello di response si chiamerà MT_PayloadCurveCarico_JDBC_response.

cc JDBC receiver: Show SQL Statement

n4nadm No Comments

Per visualizzare la query SQL generata dall’adapter aggiungere il parametro logSQLStatement al communication channel:

La query sarà visibile nell’Audit Log del cc monitor

Categorie